Termini tecnici per i non addetti ai lavori

Vi sarà sicuramente capitato di fare dei lavori al vostro impianto elettrico, di dover quindi interpellare un professionista per risolvere un problema.

Quante volte vi hanno riempiti di termini tecnici incomprensibili? Oggi vogliamo fornirvi una guida, molto semplice, per essere pronti quando vi capiterà di avere a che fare con un nostro collega (o con noi).

Prima di cominciare però, vi forniamo qualche informazione velocissima sulle nuove tecnologie come ad esempio l’impianto elettrico smart (QUI l’articolo) e la sicurezza (QUI un articolo su come deve essere un impianto elettrico sicuro e a norma).

Ora, passiamo ad elencare i termini tecnici di cui dovreste conoscere il significato:

Cortocircuito: problema che può capitare quando ci sono difetti d’isolamento, quando avviene un contatto accidentale tra il filo fase e filo neutro (a causa di un mal funzionamento dell’impianto). In questo caso, solitamente, interviene il salvavita che preserva la sicurezza degli ambienti.

Filo fase e filo neutro: il filo fase è il cavo che porta la corrente nell’impianto ed è solitamente possibile trovarlo di tre colori (nero, marrone o grigio). Non toccatelo, è pericolosissimo! Il filo neutro (blu o celeste) trasporta la corrente in uscita, che serve per completare il circuito (la corrente entra dal filo fase, attraversa la lampadina ad esempio, ed esce dal neutro. Non toccate nemmeno il neutro. Non toccate niente.

Sovraccarico: il sovraccarico di corrente avviene quando si ha un consumo eccessivo di elettricità rispetto alla portata dell’impianto, a causa dell’utilizzo di più elettrodomestici o dispositivi elettrici.

Sovratensione: è una condizione in cui l’impianto elettrico si trova a dover supportare una carica elettrica superiore a quella per cui è stato progettato.

Interruttore magnetotermico: è un dispositivo che protegge l’impianto dai sovraccarichi di corrente in caso di malfunzionamento di un apparecchio. È molto utile come salvavita ed evita i problemi all’impianto.

Interruttore differenziale: è il salvavita, protegge dalle dispersioni elettriche.